Rossini e la cambiale

Giovedý 4 novembre 2010_11_04 ore 11:00
Sabato 6 novembre 2010_11_06 ore 21:00
Domenica 7 novembre 2010_11_07 ore 16:30
Sala Teatro, Aula 10
Accademia di Belle Arti di Brera Direttore Prof. Castone Mariani
via Brera 28, Milano
Un nuovo allestimento inaugura l'Anno Accademico a Brera.
Gioacchino Rossini
LA CAMBIALE DI MATRIMONIO
Opera buffa in un atto

Libretto di Gaetano Rossi
Un progetto a cura della Scuola di Scenografia - Triennio Coordinatore Prof. Enrico Mulazzani

 


Seguono immagini della serata: Parte II

Parte I -- Parte II -- Parte III

Scena quinta

Tobia
Presto, presto.

Fanný
(a Edoardo)
Ah, ch'Ŕ lui! Se ti vede!

Tobia
(Pi¨ vicino)
Pronti, tutti...

Edoardo
Che far!

Fanný
Poveri noi!

Tobia
(uscendo)
Norton... Fanný... qua ognun...

(vede Edoardo e sospettoso 
con impeto:)


Chi siete voi?...
Che fate? Che volete in questa casa?
Con qual fin? Con qual vista?

Fanný
Egli!...

Edoardo
Signore...

(confusi)

Norton
╚ il nuovo computista

Tobia
(guardandolo)
Troppo giovine... e poi troppo moderno.

Norton
Peggio pel suo carattere.



Edoardo
Son pronto a uniformarmi agli usi vostri.

Tobia
Bravo!
Ha una fisionomia che... non c'Ŕ male;
Norton v'istruirÓ.

Fanný
(fra sŔ)
Respiro

Tobia
Intanto tieni, mia figlia cara, 
tra momenti arriverÓ persona forestiera,
gli farai buona cera, e gli darai
queste lettere...

(Tobia prenderÓ la lettera dal libro la
piegherÓ, e, cavandone un'altra, le 
darÓ a Fanný)

Fanný
E chi Ŕ? 
Ma io... ma poi...

Tobia
La tua fortuna Ŕ fatta... ah! 
La carrozza... Egli Ŕ qua: 
vo' a incontrarlo: servitori,

(escono servi e agenti)

A basso... qua... su... fuori
Ah, lo vedrete... 
Fanný, allegra!

(parte coi servi allegrissimo)



Fanný
(fremente)
Ah, soffrir non so...

Norton
Prudenza!

Edoardo
Lascia operare a me.

Fanný
Ma che farai?



Edoardo
Fidati a un cor che t'ama, e lo vedrai.

Scena sesta

Cavatina



(vari servitori, che precedono Slook, vestito
a capricciosa caricatura, ma grave: altri
che si inchinano: egli entra imbrogliato,
difendendosi dagli agenti e da Tobia che
cercano levargli il cappello e il bastone, 
e vogliono baciar gli le mani, che ritira)



Slook
Grazie... grazie... caro amico!
Troppo presto, adagio, dico:
Quieti un po': che complimenti!
M'imbrogliate, buone genti:


Non vo avanti... son confuso...
So ancor io d'Europa l'uso.
Flemma dunque, ed incomincio,
come va, a complimentar.

(si ritira alla porta, si rimette il capello 
in testa, e poi se lo leverÓ inchinandosi 
con semplice caricatura)

Fanný, Edoardo
Norton, Clarina
(fra sŔ)
Che figura! Che maniere!
Mi fa ridere e arrabbiar!

Slook
Prima il padron di casa
saluto, bacio, e abbraccio.
Lo stesso cordialmente
colle signore io faccio...



(va per abbracciarle, ma 
le signore si ritirano)

Come! 
Non s'usa forse 
le donne qui abbracciar?
OhimŔ! 
Che usanza incomoda!
Che brutto conversar!
Benedetta sia la nostra
innocente libertÓ!


Sans facons tra noi si mostra
cuor aperto, amica faccia:
Sý, si bacia, sý, s'abbraccia,
nÚ s'offende l'onestÓ.


Donne belle, donne care,
pi¨ buonine, per pietÓ.


Non mi fate ritornare
senza gusto al CanadÓ.


SicchÚ dunque istruitemi: non voglio
far cattive figure: a quel che vedo
in Europa v'Ŕ in tutto affettazione.

Fanný
(fra sŔ)
Caro l'american!

Tobia
Dite benone.
Viva pura la bella
semplicitÓ d'America!



Slook
(segnando Fanný)
Chi Ŕ quella piccante signorina!

Tobia
Vi pare? Essa ha una lettera per voi
di raccomandazione.

Slook
La servir˛ con tutto il core.

Edoardo
(fra sŔ)
Io fremo

Fanný
(fra sŔ)
Chetati

Slook
E voi per me trovate ancora
nessun capo a proposito?

Tobia
Anzi spero 
che appena voi la mostra visto avrete,
tutto conchiuderete.

Slook
Tanto meglio!
Un bravo negoziante
dev'esser spicciativo.

Tobia
Ora spicciate lÓ quella signorina.
Accompagnate, Norton,
il computista a' suoi doveri.

(poi sorridendo a Slook)

Servitela, mi preme.

Slook
Volontieri

Tobia
(segnando alla destra)
╚ quello il vostro appartamento.

Slook
Grazie

(Tobia parte)

Edoardo
(piano e presto, fra sŔ)
Oh, Fanný! In quale stato mai son io!

Norton
(ad Edoardo)
Andiam

Edoardo
(stringendo forte la mano di Slook,
e co' denti stretti)
Signor Americano, addio.

(parte con Norton)


Scena settima

Recitativo e Duo


Slook
Servo! 
Proprio in Europa usan 
de' complimenti strani e nuovi

Fanný
(fra sŔ)
Ecco il momento decisivo

Slook
Intanto sbrighiam la Signorina;

(si ferma a guardarla giovialmente)

Ha un certo che... cosý... 
proprio Ŕ bellina

Fanný
(fra sŔ)
Io non vo' certo esser la prima

Slook
Tace! Che sia decenza! 
Cominciamo noi.

(le se accosta e riverisce)

Servo gentile Signorina!

Fanný
(con riverenza, si tira in lÓ,
e occhi bassi)
Serva!

Slook
Chi siete? Che volete?



Fanný
(gli dÓ le lettere)
Leggete, e lo saprete.

Slook
(legge e si compiace)
Concisa; brava!

Fanný
(fra sŔ)
Io sono in convulsione

Slook
Ma bravo, sir Tobia! Bravo, benone!

(con galanteria)

Mi fareste la grazia
D'avvicinarvi un po'...



Fanný
Cosý sto bene

Slook
Ma non io quanto basta;
e quegli occhietti sempre bassi!...

Fanný
Decenza

Slook
Volea dirlo...
SicchÚ dunque saprete
giÓ quello che contengono queste lettere?

Fanný
No!

Slook
No?

(fra sŔ)

Non ci scappa un accento di pi¨.

(in alto)

Dunque ascoltate,
C'Ŕ qualche cosa anche per voi.

Fanný
Spicciate

Slook
(legge)
"Signor Slook: 
v'abbiamo provveduto la moglie dell'etÓ,
qualitÓ, condizioni ricercate, 
con tutti gli attestati. 
Essa Ŕ l'unica nostra figlia Fanný, 
che vi esebirÓ la presente col confronto, 
e contrassegno della vostra: 
pagate a lei dunque a vista, 
o due giorni data, 
com'Ŕ di vostro comodo, 
i debiti e obbligazioni 
che avete incontrati. 
In fede 
Tobia Mill."

Fanný
(fra sŔ)
Che avvilimento!

Slook
Ebben, cosa ne dite?

Fanný
(fra sŔ)
Ah, qui ci vuol coraggio

(in alta voce)

E voi cosa pensate?

Slook
Far onore alla firma.

Fanný
(con forza)
Ah, non lo fate;
ed anzi rinunziate alla vostra cambiale

Slook
PerchÚ?

Fanný
(con fuoco)
PerchÚ non sono io mercanzia per voi,
nÚ vi pu˛ far onore

Slook
Anzi non vidi mai capo migliore.
Darei per sý bel fondo
quanto possiedo al mondo:
Tutti impiegar vorrei
i capitali miei:
E un cento almen per cento
ne spero di piacer.



Fanný
Cercate un altro fondo;
Ve ne son tanti al mondo!
Il mio non Ŕ per voi,
fallir potreste poi:
In libertÓ lasciatemi, vi prego per piacer.

Slook
Ma, perchÚ ci˛? Spiegatevi.

Fanný
Vorrei spiegarmi... ma!

Slook
Vi spiace il matrimonio?

Fanný
Mi piacerebbe... ma!...

Slook
Son io forse un demonio?

Fanný
Non dico questo... ma!

A due

Slook
per caritÓ, signora,
lasciamo questi ma.

Fanný
Voi non sapete ancora
cosa vuol dir quel ma.

Slook
Sposatemi, e mi basta,
sarÓ quel che sarÓ.



Fanný
Se il mio pregar non basta,
so cosa ci vorrÓ.

 
Parte I -- Parte II -- Parte III
 


   
   
 

Servizio fotografico di Fabio Borsani
( o di Mario Mainino)

 

Realizzazione pagina web di Mario Mainino

torna alla pagina precedentemente consultata

www.concertodautunno.it
sito per i musicisti e gli amanti della musica classica, dell'opera lirica e del teatro a cura di
Mario
da Vigevano

 

Copyright ę Mario Mainino Vigevano PV Agg.del 06/01/2011
Copia quello che vuoi, ma per favore cita da dove lo hai preso !!