La Bohme

PALAZZO DEI CONGRESSI - STRESA

Settimane Musicali di Stresa e del Lago maggiore



6 settembre 2008

G.Puccini La Bohme
in forma semi-scenica
Mim Irina Lungu
Rodolfo Tomislav Muzek
Musetta Serena Gamberoni
Marcello Fabio Capitanucci
Shaunard Massimiliano Gagliardo
Colline Nicola Ulivieri
Benoit/Alcindoro Matteo Peirone
Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino
Gianandrea Noseda direttore
Roberto Gabbiani, maestro del coro


Seguono immagini della serata:

Atto I - Atto II - Atto III - Atto IV


MARCELLO
Questo Mar Rosso - mi ammollisce e assidera
come se addosso - mi piovesse in stille.
Per vendicarmi, affogo un Faraon! (Torna al lavoro. A Rodolfo:)
Che fai?

RODOLFO
Nei cieli bigi
guardo fumar dai mille
comignoli Parigi
e penso a quel poltrone
di un vecchio caminetto ingannatore
che vive in ozio come un gran signore.

RODOLFO Eureka!

MARCELLO Trovasti?

RODOLFO S. Aguzza l'ingegno.  L'idea vampi in fiamma.

COLLINE
Gi dell'Apocalisse appariscono i segni.
In giorno di vigilia non si accettano pegni!

RODOLFO (a Colline)  Zitto, si d il mio dramma.

MARCELLO ... al fuoco.

COLLINE  Lo trovo scintillante.

RODOLFO Vivo.

BENOT
(Entra sorridente: vede Marcello e mostrandogli una carta dice:)
Affitto !

MARCELLO
(ricevendolo con grande cordialit)
Ol !  Date una sedia.

MARCELLO (abbassando la voce e con tono di furberia)  L'altra sera al Mabil...

BENOT (inquieto)  Eh?!

MARCELLO L'hanno colto  in peccato d'amore.

MARCELLO Dica: quant'anni ha, caro signor Benot?

BENOT Gli anni?... Per carit!

RODOLFO Su e gi la nostra et.

BENOT (protestando)  Di pi, molto di pi.

MARCELLO (lusingandolo)  Bella donna!

BENOT Ah! molto.

SCHAUNARD Briccone !

 BENOT (in piena confidenza)
Le donne magre sono grattacapi  e spesso... sopraccapi...
e son piene di doglie,  per esempio... mia moglie...

MARCELLO (chiudendo l'uscio)  Ho pagato il trimestre.


RODOLFO (alzandosi)  Una donna!

MIM Di grazia, mi si spento il lume.

RODOLFO (premuroso)  Si sente male?

MIM No... nulla.

RODOLFO Impallidisce !

MIM (presa da tosse)  Il respir... Quelle scale...
 

RODOLFO (imbarazzato) Ed ora come faccio?...
Che viso da malata!  Si sente meglio?

RODOLFO Qui c' tanto freddo. Segga vicino al fuoco.

MIM Oh ! sventata !  La chiave della stanza  dove l'ho lasciata?

RODOLFO Non stia sull'uscio; il lume vacilla al vento.

(Il lume di Mim si spegne.)

MIM Oh Dio! Torni ad accenderlo.

RODOLFO Ove sar?

MIM Importuna la vicina...

RODOLFO
(tenendo la mano di Mim, con voce piena di emozione!)
Che gelida manina!  Se la lasci riscaldar.

Cercar che giova? Al buio non si trova.
Ma per fortuna una notte di luna,
e qui la luna l'abbiamo vicina.
Aspetti, signorina,
le dir con due parole
chi son, che faccio e come vivo. Vuole?

Chi son? Sono un poeta.
Che cosa faccio? Scrivo.
E come vivo? Vivo.

MIM
( un po' titubante, poi si decide a parlare)
S.  Mi chiamano Mim,
ma il mio nome Lucia.
La storia mia  breve. A tela o a seta
ricamo in casa e fuori...

Son tranquilla e lieta
ed mio svago
far gigli e rose.

Mi piaccion quelle cose
che han s dolce mala,
che parlano d'amor, di primavere

di sogni e di chimere,
quelle cose che han nome poesia...

Lei m'intende?

RODOLFO
O soave fanciulla, o dolce viso
di mite circonfuso alba lunar

in te, vivo ravviso
il sogno ch'io vorrei sempre sognar!

RODOLFO
Dammi il braccio, mia piccina.

RODOLFO Amore !

MIM Amor!

 

Atto I - Atto II - Atto III - Atto IV

 

Servizio fotografico di Fabio Borsani

 

Realizzazione pagina web di Mario Mainino

torna alla pagina precedentemente consultata

www.concertodautunno.it
sito per i musicisti e gli amanti della musica classica, dell'opera lirica e del teatro a cura di
Mario
da Vigevano

 

Copyright Mario Mainino Vigevano PV Agg.del 05/09/2012
Copia quello che vuoi, ma per favore cita da dove lo hai preso !!